Palais de la Porte Dorée


Palais de la Porte Dorée


Il Palais de la Porte Dorée, che si trova nel XII arrondissement di Parigi, è dal 2007 il Museo nazionale di storia dell'immigrazione (in lingua francese Musée de l’histoire de l’immigration).

L'edificio che oggi ospita il Museo dell'immigrazione è stato costruito nell'arco di 18 mesi in occasione dell'Esposizione coloniale di Parigi del 1931 su progetto dell'architetto Albert Laprade, che riprese il movimento artistico dell'Art déco tipico degli anni '20.

La storia

Il museo è conosciuto ancora sotto il suo vecchio nome di "Museo nazionale delle Arti di Africa e dell'Oceania". Il carattere permanente di questo edificio è affermato fin dalla sua costruzione. Venne costruito per celebrare i successi coloniali della Francia, offrendo un percorso nella storia, economia ed arte dell'impero. L'edificio venne anche pensato per invitare i visitatori ad investire nei prodotti coloniali.

Inaugurato come "Museo delle colonie" nel 1931, cambiò nome varie volte divenendo il "Museo delle Colonie e della Francia estera" nel 1932 e il "Museo della Francia d'oltremare" nel 1935. Nel 1960 divenne il "Museo nazionale delle Arti di Africa e dell'Oceania", ricevendo infine il nome attuale nel 2007.

Altri progetti

  • Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su Palais de la Porte Dorée

Collegamenti esterni

  • Sito ufficiale, su palais-portedoree.fr.
  • (EN) Palais de la Porte Dorée, su Structurae.

Palais de la Porte Dorée


Langue des articles



PEPE JEANS

Quelques articles à proximité