Hôtel d'Angoulême Lamoignon


Hôtel d'Angoulême Lamoignon


L' Hôtel d'Angoulême Lamoignon è un hôtel particulier della fine del XVI secolo, nel quartiere Le Marais nel IV arrondissement di Parigi. È l'edificio meglio conservato di questo periodo a Parigi. Dal 1969 è sede della Bibliothèque Historique de la Ville de Paris e il suo giardino, Hôtel-Lamoignon - Mark Ashton Garden, è aperto al pubblico.

Storia

Il lotto dell'hôtel si trova fuori dai confini della Parigi medievale, a nord delle mura di Filippo Augusto. Nel secondo quarto del XVI secolo, sotto l'influenza di Francesco I, l'Hotel reale Saint-Pol e i suoi giardini furono divisi in lotti e, dopo il 1543, edificati. Nel quartiere di Saint-Paul seguì un vigoroso movimento di costruzione di hôtel particulier e di ricche case a schiera, che resero Le Marais il quartiere parigino più amato dall'alta nobiltà.

Diana di Francia, figlia legittimata di Enrico II di Francia e della sua giovane amante Filippa Duci, fu creata duchessa di Angoulême nel 1582. Il suo nuovo titolo portò con sé una notevole ricchezza e, quando nel 1584 ereditò un grande lotto vicino all'incrocio tra rue des Francs-Bourgeois e rue Pavée nel quartiere Le Marais, decise di utilizzarlo come sede della sua principale residenza urbana. La costruzione dell'Hôtel d'Angoulême iniziò nel 1584, ma fu probabilmente interrotta dalle guerre di religione e completata solo da una seconda fase di costruzione nel 1611. Il suo architetto è ancora incerto: a lungo attribuito a Baptiste Androuet du Cerceau per motivi stilistici, una scoperta d'archivio del 1984 ha portato alcuni storici a considerare Louis Métezeau come progettista. Ora si ritiene che sia stato, più probabilmente, progettato dal padre di Louis, Thibault Métezeau,. Un'altra ipotesi suggerisce che Philibert Delorme abbia costruito l' hôtel agli inizi del secolo.

La casa si trovava tra il cortile d'ingresso a ovest e il giardino a est, in una forma che ricorda un piccolo castello. La facciata sul cortile, riccamente ornata e disegnata con precisione, comprendeva un corps de logis alto quattro piani con cinque campate e due padiglioni terminali. È l'unica parte della casa sopravvissuta più o meno come fu originariamente costruita. L' hôtel fu tra i primi in Francia ad utilizzare lesene corinzie basate sui De architectura di Vitruvio, tradotto nel 1567, pochi anni prima, da Daniele Barbaro. L'uso dell'ordine gigante per queste lesene, caratteristica allora inconsueta per un hôtel particulier, mirava a conferire alla facciata un aspetto maestoso, per esprimere la dignità sociale dei suoi reali abitanti. Il disegno della facciata è fortemente manierista con la trabeazione spezzata dall'alto dalla parte inferiore degli alti abbaini e un motivo greco connesso ai capitelli. La baia centrale, dove originariamente si trovava l'ingresso principale, è sormontata da un frontone a letto aperto, e i frontoni curvi nella parte superiore dei padiglioni sono decorati con rilievi scolpiti (molto restaurati), che rappresentano teste di cervo e cane, riflettendo il vivo interesse di Diana di Francia per la caccia.

L'aspetto della facciata sul giardino, conservato in un'incisione di Claude Chastillon e in un'altra di Israel Silvestre, era allora ben diverso dall'attuale: l'ingresso era servito da una doppia scala rettilinea all'italiana prospiciente un ampio parterre che si estendeva fino all'attuale rue de Sévigné; la facciata presentava anche due padiglioni per lato e gli stessi pilastri della facciata del cortile.

Modifiche sotto Carlo di Valois

Dopo la morte di Diana nel 1619, Carlo di Valois, figlio illegittimo di Carlo IX e nipote di Enrico III, ereditò l'edificio e vi abitò fino al 1650. Incaricò gli architetti, François Boullet e Jean Thiriot, di ampliare l' hôtel, alterando il progetto originale, tra il 1624 e il 1640. Fu aggiunta una nuova ala a nord del cortile d'ingresso, di fronte alla rue des Francs-Bourgeois; un piccolo locale della torre di guardia, incastonato nel muro d'angolo della strada, permetteva all'irrequieto Carlo d'Angoulème di spiare in entrambe le strade. Comandante bellicoso durante la travagliata epoca delle guerre di religione, Carlo teneva nell'edificio un gran numero di armi, quali carabine e moschetti, utilizzandolo come struttura militare.

Modifiche sotto i Lamoignon

Dopo il 1650 l'edificio fu suddiviso in più residenze. Uno dei suoi inquilini alla fine del XVII secolo fu Guillaume de Lamoignon, presidente del Parlamento di Parigi. Organizzò un piccolo salotto letterario, frequentato da Madame de Sévigné, Racine, Boileau, Bourdaloue, Regnard e Guy Patin. L' hôtel rimase di proprietà della famiglia Lamoignon fino al 1750 e questa lunga occupazione diede all'edificio il nome attuale. In quanto tale, fu il luogo di nascita di Guillaume-Chrétien de Lamoignon de Malesherbes. Dopo averlo affittato per molti anni, Chrétien-François I di Lamoignon, figlio di Guillaume, acquistò infine l'intero hôtel nel 1688.

Chrétien-François in seguito incaricò il famoso architetto reale Robert de Cotte di riorganizzarlo. Nel 1708 De Cotte e il suo studio effettuarono diversi restauri, e costruirono l'attuale portale. Progettò anche un'audace ricostruzione, che prevedeva lo spostamento della rue Pavée antistante l'edificio per ampliare il cortile, la costruzione di un nuovo portale curvo e di una nuova ala, dotata di uno scalone monumentale, al posto del precedente cortile principale, e la modifica della facciata sul giardino. Due planimetrie del progetto sono state recuperate dalle carte dello studio e sono ancora conservate presso la Bibliothèque nationale de France. Il progetto avrebbe cambiato completamente l'orientamento dell' hôtel, da nord/sud a est/ovest. Questo non fu seguito da ulteriori modifiche importanti, probabilmente a causa della morte di Chrétien-François de Lamoignon nel 1709. L'edificio attuale è ancora vicino alla sua disposizione seicentesca e il cortile è in gran parte intatto. Tuttavia, forse in vista della realizzazione del progetto, la facciata del giardino fu modificata, il suo frontone e tutti i suoi ornamenti rimossi, i gradini anteriori spostati (probabilmente per adattarsi alla simmetria progettata del nuovo edificio), l'avancorpo sud distrutto. Questa modifica ha portato alla facciata austera e asimmetrica attualmente visibile da rue des Francs-Bourgeois e dal giardino pubblico annesso.

Prima biblioteca comunale pubblica di Parigi

Nel 1750, Guillaume de Lamoignon de Blancmesnil lasciò l' hotel per la Gran Cancelleria dopo essere stato designato Cancelliere di Francia. Fu poi affittato da Antoine Moriau, procuratore del re e della città di Parigi. Moriau, bibliofilo e studioso, lo utilizzò per custodire la sua vasta biblioteca privata, che comprendeva una vasta collezione di documenti sulla storia di Parigi. Alla sua morte, avvenuta nel 1759, lasciò in eredità 14.000 volumi alla città che, nel 1763, aprì la raccolta al pubblico. Fu storicamente la prima biblioteca comunale pubblica di Parigi. Nel 1774, la famiglia Lamoignon vendette l' hôtel, che in seguito appartenne all'architetto Jean-Baptiste Louis Élisabeth Le Boursier.

Periodo di declino dopo la Rivoluzione francese

Dopo la rivoluzione francese, come molti hôtel particulier del Marais, l'edificio entrò in un progressivo decadimento. Diviso in più parti, ospitò, per tutto il XIX secolo, botteghe, magazzini e fabbriche, tra cui la sede di un'azienda di alambicchi e strumenti di distillazione. La parte orientale del giardino, compreso un laghetto, venne edificata. Tra i tanti inquilini ci furono Alphonse Daudet, che visse nell' hôtel con la sua famiglia dal 1867 in poi, e che invitò amici come Tourgueniev, Flaubert e Edmond de Goncourt.

Un punto di riferimento storico riconosciuto

Nel 1872 e nel 1873 emerse in consiglio comunale l'idea di acquistare e restaurare l'edificio, per ampliare il vicino Museo Carnavalet. Ciò non si realizzò fino al marzo 1928: la città di Parigi acquistò l' hôtel dando in cambio, come compenso al precedente proprietario, un più ampio lotto libero vicino alla Porte de Champerret.

Nonostante il progetto iniziale, il Comune decise di trasferire la sua biblioteca storica comunale nell'edificio, la Bibliothèque Historique de la Ville de Paris, precedentemente ospitata nell'Hôtel Le Peletier de Saint-Fargeau, permettendo a quest'ultimo di essere annesso al Museo Carnavalet. Tra il 1955 e il 1968, l'edificio fu restaurato e ampliato per ospitare la biblioteca. Gli architetti del sito del patrimonio Jean-Pierre Paquet, Jean Creuzot e André Vois, rinforzarono l'edificio che rischiava di crollare e demolirono tutte le aggiunte del XIX secolo nel cortile e nei giardini, riportandolo al suo aspetto attuale, compreso gli interni e le pannellature dipinte. Dal 1964 in poi, è stata aggiunta una nuova ala a sud, che funge da area di conservazione per le crescenti collezioni d'archivio. La nuova costruzione è stata volutamente mantenuta semplice e austera per mettere in risalto l'originale e restaurato hôtel rinascimentale. Sotto le fondamenta sono stati scavati anche altri due piani interrati.

Note

 

Bibliografia

  • Andrew Ayers, (2004). The Architecture of Paris. Stuttgart; London: Edition Axel Menges. ISBN 9783930698967
  • Hilary Ballon, (1991). The Paris of Henri IV: Architecture and Urbanism. Cambridge, Massachusetts: The MIT Press. ISBN 978-0-262-02309-2
  • Anthony Blunt, (1999). Art and Architecture in France, 1500–1700, fifth edition revised by Richard Beresford. New Haven: Yale University Press. ISBN 9780300077353 ISBN 9780300077483
  • Robert Dauvergne, (1961) “Une grande résidence au Marais en 1650: l'hôtel du duc d'Angoulême”, Bulletin de la Société de l'histoire de Paris et de l'Île-de-France, 1961, pp. 81-90
  • François Fossier, (1997). "122. Paris. Hôtel de Lamoignon", pp. 318–319, in Les dessins du fonds Robert de Cotte de la Bibliothèque nationale de France: Architecture et décor. Paris: Bibliothèque nationale de France, ISBN 271771975X. Rome: École française de Rome, ISBN 2728303681.
  • Alexandre Gady, (2008). Les hôtels particuliers de Paris, du Moyen-Âge à la Belle époque, Paris, Parigramme. 2012 edition: ISBN 9782840967040.
  • Alexandre Gady, (1992), “L'hôtel Lamoignon, 25 rue des Francs-Bourgeois et 22-24 rue Pavée”, dans La Rue des Francs-Bourgeois sous la dir. de Béatrice de Andia et A. Gady, Paris, 1992, pp. 69-87
  • Jean Guillaume, (2014). "Philibert Delorme à l'hôtel d'Angoulème ? Réflexions sur une attribution", pp. 47–52, Société française d'archéologie, Bulletin monumental, 2014, no. 172-1.
  • Georges Hartmann, (1917). "Hôtel Lamoignan", pp. 159–166 (su HathiTrust), in Procès-verbaux de la Commission municipale du Vieux Paris, Année 1917. Paris: Imprimerie Municipale, 1922.
  • Guy-Michel Leproux, (2008). “Philibert Delorme architecte à Paris sous le règne de François I: les hôtels de Pisseleu et de Saint-Han dits d'Angoulême et de Marle”, Documents d'histoire parisienne, 14, pp. 17-22.
  • Isabelle Pébayn e Claude Troquet, (1991) “Diane de France et la construction des hôtels d'Angoulême”, in Bulletin de la Société d'histoire de Paris et de l'Île-de-France, 1991, pp. 35-69
  • Henry Surirey de Saint-Remy, (1969). « La bibliothèque historique de la Ville de Paris ». Bulletin des bibliothèques de France (BBF), 1969, n° 2, pp. 47-62
  • David Thomson, (1984). Renaissance Paris: Architecture and Growth, 1475-1600, Berkeley, University of California Press. ISBN 9780520053595

Hôtel d'Angoulême Lamoignon


Langue des articles



Quelques articles à proximité